venerdì 24 ottobre 2014

LA TERRA DEI CECI

Oggi vado col vento. Tempestosa. Raffiche mi muovono i neuroni facendomi fare strani contatti, o forse terribili cortocircuiti. Quando hai tre figli alla scuola dell'obbligo, non puoi non essere un genitore incazzato. Ci sono giorni in cui fai finta di niente, altri invece, in cui il niente diventa tutto, e si leva la tramontana. Distratti. Non comprensivi, a volte prevenuti. Ecco la definizione di alcuni insegnanti. Faccio una premessa, ci insegnanti eccellenti, il problema è che quelli eccellenti sono troppo pochi rispetto al mare magnum. Mio figlio mi ha detto: -Mamma io non sono stupido, il problema è che la scuola è noiosa. E lo è sempre. - Sapete cosa penso? Che ha ragione. La scuola, o questo modello di scuola, è primitivo, primordiale, anacronistico, non stimolante, rema al contrario rispetto all'ordine di marcia della società. I professori non hanno dialettica, mancano di trasversalità,di flessibilità, non sono accattivanti, non sono curiosi, lavorano le lezioni come su di un nastro rotante. Rigidi. Stanziali. Legnosi.Affidiamo menti vergini, materiale di prima mano con cui fare faville, a gente disinteressata. Se voi chiedeste al professore di vostro figlio di dirvi una dote per ciascun componente della sua classe, lui non ve la saprebbe dire. Non conoscono l'individuo. Parlano solo di classe, perdendo di vista il singolo.Sanno solo dire che sono caotici. Non SANNO essere INTETESSANTI. Ha ragione mio figlio, la noia genera insoddisfazionele, la quale sfocia in comportamenti insubordinati. Di chi è la colpa, dei ragazzi? No di adulti stanchi, di adulti che non traggono più la stessa curiosità originaria dal piacere di sapere. Così la scuola invece di essere un giardino di incanti, grazie alla presenza della parte più preziosa della società, cioè i bambini ed i ragazzi, diventa la terra dei ceci. Avvizziti e pure un po indigesti. E pretendiamo che i figli ci vadano contenti. Tutto da risolvere. Prima che altre generazioni di ragazzini, siano paralizzati dalla scuola dei paleolitici.

Nessun commento:

Posta un commento