martedì 16 dicembre 2014

LIBERTA'

Una donna libera è il contrario di una donna leggera.-Simone de Beauvoir Due concetti complessi in una frase di pochi lemmi. La libertà e la leggerezza. La donna libera di cui parla Simone, è fraintesa spesso con la donna leggera nei costumi e nei modi. Nessuna delle due accezioni è giusta. La donna libera non è quella libera di uscire entrare, fare sesso o fare serate a suo piacimento fine a se stessa, ma lo è nella mente, dai pregiudizi, dai retaggi, dei sottoboschi radicati, dalle tradizioni autoreferenziali seguendo un suo pensiero filosofico emotivo reale, non volto a fare solo ciò che vuole come autocombustione dei suoi vizi. Libera di scegliere, e la scelta attiva non è mai leggera, porta con sé un fardello di responsabilità, di fare consapevole, senza il quale la libertà sarebbe solo scelleratezza. Ecco allora che la responsabilità di scegliere, e la leggerezza di essere senza pensieri, sono concetti che non possono seguire lo stesso corso. La leggerezza serve si, a vivere il mondo con una sorta di pneuma che non schiacci a terra, ma riservando a questa distanza di sicurezza la garanzia di integrità morale entro la sfera di libertà personale di ognuno. La gestione della libertà impegna una vita, e nella ricerca del perfetto equilibrio di consumo responsabile, la mancanza di pensiero strutturato non è ponderato. Libera di fare con maestria. Capace di pensare con cognizione. Lontana da falsi inni alla liberta'.Simone mi piaci, chissà se ti abbiamo capita abbastanza?

Nessun commento:

Posta un commento