mercoledì 20 novembre 2013

PI

Avete letto “Vita di Pi”? Ci sono giorni in cui mi sento Pi. Sulla zattera, con gli squali che mi girano attorno, e anche la tigre da tenere a bada. Siamo tutti naufraghi, alle prese con una quotidianità che mette alla prova di continuo, sia per le situazioni che crea, sia per gli attori che propone. Dobbiamo far fronte ad emergenze, necessità, problemi di salute, individui loschi o nella maggioranza dei casi opportunisti, ed arrampicatori sociali. Oltre tutto Pi, doveva pensare solo alla sua di sopravvivenza, noi anche a quella della nostra prole, un’incombenza sull’altra, a complicare una già precaria stabilità, perché il mare ha i suoi demoni forti: il vento, la pioggia, il sole a picco, le tenebre. Adattarsi agli eventi, ed evitare gli squali: è l’unico modo per sopravvivere … E riuscire a raccontarla.

Nessun commento:

Posta un commento